Tipologie diverse di fondi per diverse attività di delocalizzazione temporanea

Soluzione

Domanda
Delocalizzazione temporanea realizzata ai sensi dell’articolo 1, comma 2, lettera a) O.C.S.R. n. 9/2016: in altro edificio agibile sito nello stesso Comune, attuata ai sensi del successivo articolo 2 comma 1, e cioè tramite l’affitto di altro edificio esistente agibile, non abusivo equivalente per caratteristiche tipologiche e dimensionale a quello preesistente.
L’articolo 9 comma 3 bis stabilisce che in questo caso il rimborso per la delocalizzazione è erogato a valere sui fondi della gestione speciale di chi all’articolo 4, comma 4, del decreto legge n. 189/2016.
Per tale tipologia, nei casi in cui oltre al rimborso per la locazione sia chiesto il rimborso delle spese di cui all’articolo 8, commi 3 e 4, (interventi su macchinari, attrezzature ed impianti o ripristino scorte o trasloco macchinari…), con quale modalità di pagamento va riconosciuto tale rimborso?

\n

 

\n

Risposta
Si conferma la doppia modalità di erogazione del contributo ai fini della delocalizzazione temporanea, ovvero il rimborso per l’affitto è erogato a valere sui fondi della gestione speciale di cui all’articolo 4, comma 4, del decreto legge n. 189/2016, mentre il rimborso relativo all’intervento di ripristino dei beni strumentali è riconosciuto mediante il finanziamento agevolato di cui al comma 3, dell’articolo 6 del dl 189/2016.

 
Ti è stato d'aiuto questo articolo? si / no
 

 
Powered by Help Desk Software HESK, brought to you by SysAid